di maggio

ma parliamo di quelli che muoiono in maggio,
quelli che l’acqua li inghiotte, il cuore tradisce,
quelli che il fiato sfinito si arrende.

non è lo stesso, lasciarsi col sole,
gridare il dolore mentre i glicini fanno profumo,
mentre i primi turisti, così bianchi di pelle,
attraversano il mare

e noi colpevoli
di non starci stringendo le braccia,
di non tremare snudati d’amore
perché fuori è caldo, disteso lo sguardo
non grigio
o annebbiato

o forse si, ma è pianto
e non pioggia,
stemperato
dai papaveri.

è poco educato, morire di maggio.

a casa mia,
d’usanza,
si muore all’inizio del mese.

Share and Enjoy:
  • Print
  • Facebook
  • Add to favorites
  • email
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • Live
  • MSN Reporter
  • Technorati
  • Tumblr
  • Twitter
  • Google Buzz
  • MySpace
  • PDF
  • StumbleUpon

Info su Cristina Mosca

scrivo, amo, vivo
Questa voce è stata pubblicata in le mie poesie e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>