una sfoglia che sembra una farfalla

tramonto romasi sono ritagliati un angolo di felicità proprio davanti a me, passante straniera in una città monumentale. sono a ore 11 dalla mia postazione, non sanno di essere guardati, ma non gli importa. hanno ali immaginarie di sfoglia, una sfoglia che sembra una farfalla, e hanno forse quindici anni di differenza: lui ha capelli grigi e un loden, lei la gonna a fantasia scozzese e uno scooter. lui potrebbe essere un docente universitario e lei la sua studentessa, ma anche questo non gli importa: hanno addosso le bollicine dei primi incontri, quando non sembra vero potersi baciare sulla bocca ogni volta che lo si desidera, aggrapparsi alle braccia come per non cadere all’indietro, nelle cose reali. e respirarsi. soprattutto respirarsi. quanto tempo avranno atteso prima di iniziare a parlarsi sottovoce?
hanno visi sorpresi da adolescenti; i sorrisi aperti di chi trova qualcosa che stava cercando. soprattutto, ridono tra le parole e ridono tra i baci, nel parcheggio, in un tramonto un po’ grigio, a dispetto del traffico che gli rotola intorno, dimentichi delle ali di sfoglia che si frantumano in volo. ridono, loro, ridono, perché adesso, in questo preciso momento, non sono più soli.

Pubblicato in guardo posti, vedo gente | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

LNM alla fiera della piccola editoria a roma

banner_PLPL_Ianieri_editoriaroma

clicca per ingrandire

il mio piccolo libro alla piccola fiera della piccola editoria a roma. che non è piccola ma forse sì (per certo ha un cuore grande così). se siete dalle parti del palazzo dei congressi all’eur vi aspetto (im)paziente venerdì 5 dicembre 2014 dalle 17.00 nello stand C12 con la mia raccolta di racconti loro non mi vedono e con gli altri autori della casa editrice ianieri .

ti guardavo, annarella, andare al mercato con tua madre e sbirciare il mondo da sotto quella scrima bianca che t’incideva il capo a metà.
invece poi quell’8 settembre i tedeschi si sono infuriati, hanno preso a spararci addosso. state con noi o con loro?, ci chiedevano, con noi o con loro? e noi non capivamo chi fosse noi e chi fosse loro.

Pubblicato in appuntamenti, loro non mi vedono #LNM | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

il lenzuolo

poesia vincitrice del primo premio “zirè d’oro – sezione poesia“, l’aquila 27 novembre 2014

entrata
nella stanza
in penombra,
ho guardato
il letto
disfatto. Continua a leggere

Pubblicato in le mie poesie | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

LNM con l’università della libera età

loro non mi vedonoio e il prof massimo pasqualone vi aspettiamo martedì 2 dicembre 2014  alle 16.00 al museo michetti di francavilla, per parlare del mio libro “loro non mi vedono” nel calendario degli incontri dell’università della libera età. letture scelte e interpretate dall’attrice sara iannetti. l’incontro è ad ingresso libero!

Pubblicato in appuntamenti, loro non mi vedono #LNM | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

mingling

c’è un silenzio di cose lasciate a dormire, nel suono che segue una stanza piena. a volte siamo chimici che fissano l’acqua e l’olio nello stesso bicchiere e cercano ciechi l’equilibrio che li tiene staccati.
il verbo mingling, nella lingua inglese, indica il mescolarsi, il mettersi insieme, il confondersi fino a sparire. lo sforzo e la naturalezza dell’unirsi sono presenti già nella pronuncia del gruppo “ngl“, da leggere con la g dura; convivono in questa articolazione complicata in cui sono esercitate asperità e bellezza.
to mingle è un verbo che mi piace, ha quasi il suono di una Continua a leggere

Pubblicato in penso cose, vedo gente | Contrassegnato , , | Lascia un commento

incontenibile

solo due cose avevo chiesto al festival delle letterature dell’adriatico (per gli amici FLA) di quest’anno: conoscere franco arminio e ottenere un autografo da francesco piccolo. il primo l’ho non solo conosciuto, ma proprio presentato; il secondo, per una serie di motivi, l’ho a malapena sfiorato.
piccoloe proprio nel sentirsi sfiorare sta l’emozione prolungata che ho avuto leggendo il suo “il desiderio di essere come tutti”, vincitore del premio strega 2014.
quando ho letto “momenti di trascurabile felicità” non avevo idea di chi fosse francesco piccolo: l’ho immaginato un ragazzo dalla sensibilità straordinaria e dalla bravura immensa. era invece, lo so adesso, un uomo adulto, dalla vista acuta, capace di vedere e memorizzare i dettagli come un ragazzo.
ho finito pochi giorni fa di leggere “il desiderio di essere come tutti” e non riesco ancora a stancarmi di parlarne, di pensarci. Continua a leggere

Pubblicato in leggo libri, ascolto canzoni, vivo film | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento