a/r

dimenticavo il colore del sole al tramonto, per giorni qui non ha fatto che piovere.
ho mandato le mie parole in raccomandata con ricevuta di ritorno. per non fare che di nuovo dal vento vengano sperse.

sono così, trasparente mi credi
è tutta qui l’anima che tu mi chiedi
te la servo così, su di un piatto che suona
la senti la voce di chi non perdona

nel gelo mi ghiacciano i pensieri, e resta senza fiato il cristallo infranto delle cose che non oso.

Share and Enjoy:
  • Print
  • Facebook
  • Add to favorites
  • email
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • Live
  • MSN Reporter
  • Technorati
  • Tumblr
  • Twitter
  • Google Buzz
  • MySpace
  • PDF
  • StumbleUpon

Info su Cristina Mosca

scrivo, amo, vivo
Questa voce è stata pubblicata in donne tu du du, penso cose. Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>