nella mattina di natale

a casa abbiamo le finestre nuove. il vetro è a tre strati, per insonorizzare. stamattina la mattina di natale sembrava fatta di neve: alle nove non arrivava nessun suono, nessun segno di traffico. ho guardato fuori dalla finestra e ho contato fino a quindici, dopo il passaggio di una bicicletta. nessuno in vista.
il silenzio di neve di questa mattina di natale era come la pace del sogno che ho fatto poche notti fa: un tramonto in riva al mare, con la luce calda e stanca dei pomeriggi di agosto, le persone a rivoltarsi pigre sui teli.
la speranza dilaga, prudente e amniotica. i gesti sono cauti, lenti, in ascolto: imparano un tempo diverso, si preparano.

quella volta ho provato un istante di gioia e un’esplosione di terrore. “dio, fa che sia vero, dio fa che sia vero”.
adesso aspetto, nascosta, che il vero trionfi, e che il reale si innesti alla quieta speranza.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • Facebook
  • Add to favorites
  • email
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • Live
  • MSN Reporter
  • Technorati
  • Tumblr
  • Twitter
  • Google Buzz
  • MySpace
  • PDF
  • StumbleUpon

Info su Cristina Mosca

scrivo, amo, vivo
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>