amore è un ricongiungimento ricamato a fior di labbra

il declino dell’estate raggiunge gli occhi come una carezza rassegnata. i colori sono morbidi, l’arancione dell’autunno si vede già nel fondo del cielo, per chi sa guardare, in quel punto preciso che.

prendimi per le braccia e fammi roteare,
finchè non morirò dalle risate

dire mi manchi è sempre un’ammissione di colpa: un vuoto che si intrufola nell’anima.
dire vai via è sempre un fallimento: un peccato d’orgoglio che non si lava con l’acqua sul petto.

prendimi tra le braccia e fammi raccontare,
finchè non morirò dalle lacrime

nella mia voce riconosco sembianze che ho già vissuto altrove. un timbro stampato nell’aria che non mi fa sentire sola mai.

raggiungimi quando smettono i rumori, chiamami quando non avrai più parole.
amore è un ricongiungimento ricamato a fior di labbra, che se non ci sei non so più raccontare

foto: sandro menga (parole a scatti 2012, by sandro menga e cristina mosca)

Share and Enjoy:
  • Print
  • Facebook
  • Add to favorites
  • email
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • Live
  • MSN Reporter
  • Technorati
  • Tumblr
  • Twitter
  • Google Buzz
  • MySpace
  • PDF
  • StumbleUpon

Info su Cristina Mosca

scrivo, amo, vivo
Questa voce è stata pubblicata in donne tu du du, penso cose e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>