A come amore

Assenza. all’assente io faccio continuamente il discorso della sua assenza; situazione che è tutto sommato strana; l’altro è assente come referente e presente come allocutore. da tale singolare distorsione, nasce una sorta di presente insostenibile; mi trovo incastrato fa due tempi: il tempo della referenza e il tempo dell’allocuzione: tu te ne sei andato (della qual cosa soffro), tu sei qui (giacchè mi rivolgo a te). io so allora che cos’è il presente, questo tempo difficile: un pezzo di angoscia pura”.
Attesa. l’essere che io aspetto non è reale. come il seno materno per il poppante, “io lo creo e lo ricreo continuamente a cominciare dalla mia capacità di amare, a cominciare dal bisogno che io ho di lui”. l’altro viene là dove io lo sto aspettando, là ove io l’ho già creato. e, se lui non viene, io lo allucino: l’attesa è un delirio. (…) e ancora molto tempo dopo che la relazione amorosa si è acquietata, io conservo l’abitudine di allucinare l’essere che ho amato: talora, una telefonata che tarda a venire riesce ancora ad angosciarmi e, in ogni importuno, credo di riconoscere la voce che amavo. io sono un mutilato che continua ad avere male alla gamba amputata”.

(roland barthes, frammenti di un discorso amoroso)

Share and Enjoy:
  • Print
  • Facebook
  • Add to favorites
  • email
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • Live
  • MSN Reporter
  • Technorati
  • Tumblr
  • Twitter
  • Google Buzz
  • MySpace
  • PDF
  • StumbleUpon

Info su Cristina Mosca

scrivo, amo, vivo
Questa voce è stata pubblicata in leggo libri, ascolto canzoni, vivo film e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Una risposta a A come amore

  1. Licio scrive:

    Bellissimo il pezzo….stupenda l’attesa!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>