non bastano le nuvole in testa

in una stanza segreta aspetto il suono noto dei tuoi passi. resto seduta al buio con la schiena e le orecchie dritte, le mani sulle ginocchia, chiedendomi se è il vento che bussa alla porta o sei tu, rimasto senza fiato. stanchi di rincorrerci per le scale ci siamo fermati da un pezzo, ansimanti, e sempre ansimando abbiamo compiuto gli ultimi, piccoli passi. gattonando ci siamo sibilati gli ultimi perchè, infliggendoci eterni voti proibiti.

ma i perchè si dimenticano.

l’odore del buio ha la stessa pastosa vacuità di una missed call. le pupille brancolano nel mare di fango che è la mia anima, cercando di quale colpa depurarsi prima. bere il sangue di un unicorno è un reato gravissimo, che si sconta vivendo a metà.
non bastano le nuvole in testa a ricordarmi che da qualche parte la luce dei miei occhi c’è.
conto il tempo che passa tra il prima e il dopo, centellinandolo come si fa con le malattie terminali.

Share and Enjoy:
  • Print
  • Facebook
  • Add to favorites
  • email
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • Live
  • MSN Reporter
  • Technorati
  • Tumblr
  • Twitter
  • Google Buzz
  • MySpace
  • PDF
  • StumbleUpon

Info su Cristina Mosca

scrivo, amo, vivo
Questa voce è stata pubblicata in penso cose. Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>