i tuoi gesti

lasciami qui, affinchè io possa studiare i tuoi gesti come quando ero bambina. lasciami nascosta a guardarti consumare riti consueti credendo di non essere visto, permettimi di vedere come sei quando sei solo con te stesso, senza bisogno di dare spiegazioni, di fingere di prestare attenzione o di esaudire richieste inespresse.
lasciami qui ad imparare il suono della tua voce, affinchè io possa riconoscerla anche al buio. lasciami mandare a memoria i tuoi movimenti, sempre sobri e ponderati, perchè io possa riconoscerli in tutti i gesti della mia vita. permettimi di leggere tra le parole che non dici, per scoprire le azioni che ripercorrerò anche io.
il destino segue a fiuto le orme lasciate in terra dal sangue.
rammendami con un ago di legno come fossi rete; sole a picco sui tuoi occhi indifesi, dammi uno schermo per poterti proteggere. insegnami a parlare con le onde in linguaggio di spuma per sapermi difendere, donami l’udito del gabbiano per volare sulle tue tracce sommerse.

Share and Enjoy:
  • Print
  • Facebook
  • Add to favorites
  • email
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • Live
  • MSN Reporter
  • Technorati
  • Tumblr
  • Twitter
  • Google Buzz
  • MySpace
  • PDF
  • StumbleUpon

Info su Cristina Mosca

scrivo, amo, vivo
Questa voce è stata pubblicata in penso cose. Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>