acquaneve

acquaneve i versi che mi scendono sopra da lontano.
è il suono di un mondo che desidera avvicinarsi piano.
cantare di un canto profondo, di quelli cantati col fondo di gola,
un sonetto improvviso
che volasse sui sensi senza alcuna precauzione.
procedere di passo deciso,
tastare la pelle, annusare affezione un po’ frivola,
se non fossi poi certa
che l’acquaneve una volta a terra congela,
e sul terreno col ghiaccio si scivola.

Share and Enjoy:
  • Print
  • Facebook
  • Add to favorites
  • email
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • Live
  • MSN Reporter
  • Technorati
  • Tumblr
  • Twitter
  • Google Buzz
  • MySpace
  • PDF
  • StumbleUpon

Info su Cristina Mosca

scrivo, amo, vivo
Questa voce è stata pubblicata in donne tu du du, le mie poesie, penso cose. Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>