come una bambina

eppure ho creduto che mi avessi riconosciuta.

hai risposto al mio saluto con quel sorriso pieno di tenerezza che si fa con i bambini, perchè io lo so, ai tuoi occhi sono ancora  e sempre la bambina che tieni appesa al muro dell’ingresso. l’ho creduto – anzi sono certa che tu mi abbia riconosciuta. i tuoi occhi si sono riempiti di rughe e di luce per la gioia della visita inattesa.

devi  avermi riconosciuta. da qualche parte, nel tuo cuore, nella tua memoria.
solo che, subito dopo, devi averlo anche dimenticato.

sono rimasta a guardarti annaspare confusa nel concetto del tempo e dello spazio. ti ho ripresa per mano e ricondotta lungo i binari della realtà. sono rimasta a guardarmi mentre ti riassumevo i miei ultimi dieci anni di vita, come se fossimo due coetanee che non si vedono da tanto.
parlare con te è parlare ad una bambina, lentamente e per concetti semplici; l’unica differenza è che si deve alzare la voce, perchè ci senti poco.

Share and Enjoy:
  • Print
  • Facebook
  • Add to favorites
  • email
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • Live
  • MSN Reporter
  • Technorati
  • Tumblr
  • Twitter
  • Google Buzz
  • MySpace
  • PDF
  • StumbleUpon

Info su Cristina Mosca

scrivo, amo, vivo
Questa voce è stata pubblicata in penso cose, vedo gente e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>