con te se ne andava febbraio

c’era quel cielo infuocato
arrossiva
forse sapeva cosa stavo per fare.
maldito,
scoccava il ricordo dal buco di luna
catarifratta su strisce di rosa.
feritoia, la luna,
color pelle rugiada
ruvida,
sterile, animosa.
le nuvole crollavano e insieme
morivo anche io:
tramontavo,
incapace di arrendermi o render pegno
adorato,
amaro,
flebile conversazione
-tantissimo vento in bocca tantissimo-

lasciarsi andare
salutarsi
ammettersi.
quasi ti odio
quasi
ti vengo a cercare.

un turbine d’inverno
immenso amore
candido
sciolto.

Share and Enjoy:
  • Print
  • Facebook
  • Add to favorites
  • email
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • Live
  • MSN Reporter
  • Technorati
  • Tumblr
  • Twitter
  • Google Buzz
  • MySpace
  • PDF
  • StumbleUpon

Info su Cristina Mosca

scrivo, amo, vivo
Questa voce è stata pubblicata in le mie poesie e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>