come il papavero

ci si arrende
guardando
una speranza
in barbagli,
che non sa nominare
né stringere in mano
la parola -noi-
senza che sfaldi
come
il papavero.

si perdono le occasioni
in fila alla cassa,
in libreria
o in un ufficio
di collocamento.
si perdono le partite,
la pazienza,
la speranza.
i rubinetti
perdono.

ma si perdono
solo i treni
di cui si è in attesa.

quando raccoglierai
i miei sogni
caduti a terra,
mi raccomando,
non prenderli per le ali
perché, lo sai,
muoiono con niente.

chi non può averti
dice ti amo
così facilmente.

Share and Enjoy:
  • Print
  • Facebook
  • Add to favorites
  • email
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • Live
  • MSN Reporter
  • Technorati
  • Tumblr
  • Twitter
  • Google Buzz
  • MySpace
  • PDF
  • StumbleUpon

Info su Cristina Mosca

scrivo, amo, vivo
Questa voce è stata pubblicata in le mie poesie e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>