requiem

per sbaglio ho rotto un piatto e ho pianto. era nuovo, grande, lucido e blu. i guanti di gomma erano troppo stretti, ho perso la presa.

avevo otto anni. la luce della mia camera si è fulminata. anche quella volta ho pianto: per preservarla la spegnevo sempre, ogni volta che non serviva. non è bastato.

nella consegna di sè stessi c’è sempre del dolore.

ho le tempie sempre più bianche. le macchie aumentano sulla pelle in arcipelago. dovrei tingermi i capelli, mi dicono. ma a che servirebbe? non avrei indietro la fertilità.

è un aborto ogni romanzo in attesa di venire pubblicato . i personaggi vivono come fantasmi che chiedono di essere liberati.

la verità non è mai abbastanza.

la verità è come ce la raccontiamo.

Share and Enjoy:
  • Print
  • Facebook
  • Add to favorites
  • email
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • Live
  • MSN Reporter
  • Technorati
  • Tumblr
  • Twitter
  • Google Buzz
  • MySpace
  • PDF
  • StumbleUpon

Informazioni su Cristina Mosca

scrivo, amo, vivo
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *